Intrasportabile. Ineluttabile.

Dannazione.

Lo giuro, mi odio.
Non sono autoinconsapevole, mi rendo conto di non essere ciò che tu dici sia esser normale.
Ok, ora mi siedo e ci rifletto sopra. Poi deciderò sul da farsi.
-Giulia, non ti avrei detto niente ma così non ce la fai nemmeno con la tracolla.Pesa veramente troppo.
Mi dici a che ti serve questo quadernetto rosso?!-
-Quello è importantissimo, ci sono gli incisi che mi vengono in mente, le frasi a effetto, quelle parole che compaiono così, per caso, e che sai che saranno perfette in bocca all’ultimo uomo a matita che c’è proprio in quello sketchbook che tieni in mano adesso…-
-Questo qui blù? Ecco ma qui ce n’è un’altro nero, tolgo?-
-No, stai scherzando? Quello nero è per gli schizzi dal vivo, è fondamentale, senza quello puoi pure buttare via tutto il resto e chiudermi in una clinica per poveri sperduti. Quello è l’unica cosa che mi tiene gli occhi sulla realtà. Quello è la mia salvezza umana.-
-D’accordo…
e questo bianco?
e questo verde?
e questi altri tre blu?
Oddio. E questa sottospecie di Bibbia nella tasca esterna?-
– Cos’è, in fin dei conti, una lussazione alla spalla… tanto mica mi serve la manca.-
Annunci

2 thoughts on “Intrasportabile. Ineluttabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...