Fame o farfalle, nel caso un maalox.

Ormai siamo diventate bravissime, le mie amiche ed io, a percorrere la strada da casa all’ufficio senza inciampare, tenendo gli occhi incollati ai display. Riusciamo anche ad interagire senza voltarci.
-Mi ha scritto D, vuole rivedermi, che gli dico?
-Lo sapevo
-Magari si è pentito
-Bloccalo
-Vabbè dai gli rispondo tra due ore, intanto visualizzo.
Gli scatto una foto mentre una prende i caffè al volo, una estraendo lo schedario dalla borsa ha tirato fuori un groviglio di trucchi e caricabatterie e l’altra mi guarda con disapprovazione.
Un’istantanea emblematica.
Prendo il mio espresso facendo il check delle imprese da completare, i lavori in scadenza e i vuoti interiori da riempire.
Sono tempi complessi, sincopati, ci mettiamo lo sbattere la porta di casa uscendo in comitiva per renderci conto di quanto siamo sole. Così ci ritroviamo in cucina, in un venerdì sera tirato fino a diventar sabato, a guardare il fondo vuoto della biscottiera e a dirci che un giorno saremo libere dalle nostre condanne, dalle meches, dalla cellulite, dal buco che ci hanno lasciato nel cuore.
-Mi passi lo zucchero?
-Da quando lo metti?
-Non ce lo metto ma mi piace questa bustina.
-Tieni, ma non ti allontanare che chiamo uno bravo.
Mi fa sorridere che mi conoscano. Che sappiano le mie stranezze. Che tollerino le mie stranezze, e che non lo facciano.
Mi piace che dopo tre giorni che ho il telefono staccato perché in questi anni qui non riesci a chiudere niente e nessuno fuori dalla tua vita perché basta un like di un amico ad un’altra foto a farti credere nell’inutilità di ogni azione compiuta per rivalerti, entrino nella mia stanza con gli ACDC a palla, un vestito scollato ed una strigliata.
Fumiamo una sigaretta prima di entrare e siamo le regine della rivincita, come se le nostre vite fossero una collana di gesti compiuti per riconquistare la fiducia persa nella perla incastonata in posizione precedente. Facciamo di tutto e costantemente. Lavoriamo, studiamo, impariamo, agiamo, ci guardiamo in faccia cercando di compensare lo sconforto che ci abbraccia lo stomaco quando leggiamo che qualcuno più giovane è già più bravo e ci chiediamo per quanto tempo ancora saremo giovani abbastanza per essere ganze ragazze che fanno ganze cose e non le ennesime delle ennesime.
Il lavoro è una giungla che dominiamo aggressive e caute, col basso profilo pronto a lasciar spazio all’effetto SBAM.
Sono le sei ed il mondo comincia adesso, anche se è più pesante di qualche anno fa.
Ci divertiamo in proporzione diretta al potere coprente dei nostri fondotinta e da quando la vita ha la forma del dubbio che questi pantacollant siano un po’ troppo stretti, abbiamo fatto i conti con la sensazione del perdere tempo. Così il cuor leggero è uno stato di cui si ha solo un ricordo e passare un pomeriggio tra amazon, luisaviaroma.com e l’ottava serie di gossip girl ha il peso infinito della leggerezza superficiale, una patina dorata che si gratta via anche con le unghie corte e che lascia intravedere solo il buco nello stomaco scavato dalle farfalle.
“No more Butterflies” è il titolo di una tesi che ho scritto sulla grafica spagnola e del nostro gruppo di conversazione su whatsapp.
-Venerdì sera usciamo
-cinema o serata?
-cinema
-serata
-tutte e due?
-ok
-ok ma io non bevo
-io nemmeno, DIETA FERREA
-il popcorn lo puoi mangiare?
-STILE AUSCHWITZ
-pigiama party allora
-io non vengo, c’è situazione
-disagio
-disagio
-DISAGIO
-E DISAPPROVAZIONE
Ormai siamo diventate bravissime, le mie amiche ed io, a percorrere la strada dal bar a casa tenendo gli occhi incollati ai display. Riusciamo anche ad interagire senza voltarci. E ci riempiamo l’agenda di impegni per non avere il tempo di sentirci sole.
Mi siedo al tavolo, di fronte a lui e tra farfalle, disagio e la borsa che vibra, vorrei soltanto che valesse la pena di ignorare il telefono.

✓✓

Annunci

2 thoughts on “Fame o farfalle, nel caso un maalox.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...